Stampa 3d e chirurgia: stecche tracheali stampate in 3d per un bambino di 7 mesi

stampa 3d trachea stampante eos

Primo impianto di stecche tracheali stampate in 3D in Georgia, grazie alla collaborazione tra Georgia Tech e Children’s Healthcare of Atlanta.

stampa 3d impianto trachea

Non è la prima volta in cui l’utilizzo delle nuove tecnologie di stampa 3D vengono adottate in sala operatoria per casi di tracheobroncomalacia, e non sarà di certo l’ultimo. Già nel maggio del 2013 venne realizzato il primo impianti stampato in 3d per questo tipo di patologia che salvò la vita del paziente… proprio come è accaduto per la prima volta in Georgia il 17 agosto 2018.

Dispositivi stampati in 3d impiantati su un lattante 

Per la quindicesima volta, è stato realizzato un impianto di stecche tracheali impiantato su un lattante (questa volta di 7 mesi d’età), colpito da cardiopatia congenita e tracheobroncomalacia (Sindrome di Williams-Campbell). Quest’ultima colpisce la cartilagine della trachea con conseguente collasso tracheale difficile da risolvere secondo i protocolli della chirurgia “tradizionale”. Sono state necessarie 10 ore di intervento per inserire chirurgicamente il dispositivo stampato in 3d con materiale biocompatibile,  che ha letteralmente salvato la vita del paziente pediatrico.

Stampa 3d delle stecche tracheali

Il processo per la realizzazione del modello 3D da impiantare nel paziente, si è sviluppato come un normale processo di progettazione e stampa 3D. Partendo da una geometria rilevata attraverso scansione delle vie aeree, sono stati progettati i dispositivi su misura per il paziente. Al fine di ottenere un fitting efficace sono stati progettati e stampati differenti misure delle stecche tracheali. Il potenziale della stampa 3D in termini di precisione e personalizzazione dei modelli, di biofabbricazione, e di velocità di realizzazione, hanno fatto il resto. Grazie all’utilizzo di materiale biocompatibile, i dispositivi impiantati sono stati letteralmente riassorbiti nel corpo consentendo l’espansione di trachea e bronchi.

Stampante 3d per stampa stecche tracheali

stampante 3d Eos FORMIGA - laser sintering 3D printer  stampa tracheaLa tecnologia di stampa 3D utilizzata per la stampa delle stecche tracheali in materiale biocompatibile, è stata fornita dal Georgia Institute of Technology che ha utilizzato stampanti 3d EOS. L’azienda tedesca è Leader mondiale nella produzione di stampanti 3d con sistemi di sinterizzazione laser e, oltre a lavorare con biomateriali, ha fatto la storia della stampa 3d nel settore della stampa dei metalli e non solo. Nello specifico i dispositivi biocompatibili sono stati prodotti con il modello Formiga P 110.  La stampante 3D in questione ha un volume di stampa di 200x250x330mm e lavora con tecnologia di stampa a Sinterizzazione Laser.

 

Lascia un commento

Pin It on Pinterest