Difficile attribuire la paternità dell’invenzione della ruota, di certo GE Additive ed HRE stanno contribuendo allo sviluppo di una delle applicazioni più antiche della storia dell’ umanità.

HRE ha presentato al RAPID + TCT 2019 di Detroit, la più grande ed influente fiera di produzione additiva del Nord America, la seconda generazione del cerchio HRE3D+ montato su una Ford GT 2019.

Continua la collaborazione con GE Additive per lo sviluppo di cerchi in Titanio ad alte prestazioni.

Nello specifico i nuovi cerchi sono stati prodotti con due differenti sistemi di manifattura additiva: Direct Metal Laser Melting ed Electron Beam Melting.

La tecnologia di stampa 3d per metalli ha confemato i numerosi vantaggi già evidenziati nella prima serie di ruote HRE presentate al Formnext 2018.

Vantaggi del Metal Additive Manufacturing

  • riduzione di peso: le nuove geometrie hanno consentito la realizzazione di parti più leggere di circa il 20%.
  • riduzione del materiale di scarto: le teconologie di manifattura additiva per metalli hanno consentito una riduzione del materiale di scarto rispetto alle tecnologie sottrattive dall’ 80% al 5% (riutilizzabile per la stampa di altre parti).
  • part consolidation: in termini di numero totale delle parti da assemblare, il nuovo design degli elementi ha consentito la riduzione delle componenti della ruota da 6 a 5.

cerchio in titanio stampa 3d

Progetti futuri

Alan Peltier, CEO di HRE, ha dichiarato: “Siamo orgogliosi di poter aprire nuovi orizzonti con le ruote HRE3D + aggiornate. Lavorare con GE Additive ci ha permesso di accedere ad alcune tecnologie davvero all’avanguardia, e stiamo esplorando il futuro della tecnologia delle ruote insieme a strumenti che continueranno ad evolversi nei prossimi anni. Non vediamo l’ora di vedere cosa saremo in grado di realizzare in seguito”.

A tal proposito una probabile evoluzione del progetto potrebbe essere quella di produrre il cerchio in un’ unica parte. Stay tuned.

 

Pin It on Pinterest