Secondo le stime di World Wide Hearing (WWH), 280 milioni di persone soffrono di disabilità dell’udito. Il 30% sono bambini. Non sentire vuol dire non poter imparare a parlare. Non poter parlare vuol dire non poter comunicare e essere socialmente ed economicamente svantaggiati.

Lo sapeva bene Helen Keller, scrittrice, attivista ed insegnante statunitense sordo-cieca dall’età di 19 mesi: “Se potessi avere solo uno dei miei sensi, allora sceglierei l’udito. Non mi sentirei così tanto sola”.

Stampa 3d in aiuto dei rifugiati di guerra

L’organizzazione no-profit giordana 3DP4ME e World Wide Hearing (WWH) stanno raccogliendo fondi per il loro progetto Hearing Express, che ha l’obiettivo di produrre in 5 anni 12.000 apparecchi acustici per persone bisognose in Giordania. I destinatari sono soprattutto persone a basso reddito e i rifugiati che riportano traumi all’apparato acustico a causa della guerra.

Per questa ragione i partner stanno cercando di raccogliere $ 200.000 per realizzare stampi per apparecchi acustici stampati in 3D. Il tradizionale metodo di produzione di stampi per questi dispositivi è un “lavoro d’arte” che richiede molto tempo. Un tecnico può creare 3 o 4 stampi contemporaneamente, ma il processo dura anche un’intera giornata.

dispositivi acustici stampati in 3d

Caption must be inserted to send image

Scanner 3d e tecnologia di stampa SLA

L’organizzazione 3DP4ME sviluppa applicazioni di stampa 3D per soddisfare i bisogni umani ed è riuscita con questa tecnologia a realizzare apparecchi migliori che isolano la voce, riduco i rumori di fondo ed offrono il massimo comfort.

Utilizzando un Lantos 3D Ear Scanner portatile, i clienti vengono visitati nelle loro case (villaggi e campi profughi), per raccogliere i dati necessari alla realizzazione della protesi acustica personalizzata. Gli stampi vengono quindi prodotti con la stampante 3D ASIGA PRO 2 con tecnologia SLA, che realizza fino a 35 pezzi in un’ora. Un netto miglioramento rispetto ai 3 o 4 stampi a mano in un giorno.

stampa 3d dispositivi acustici

“Una volta completata la scansione 3D del nostro cliente, un modello 3D viene creato in tempo reale sul nostro cloud Internet. Nel frattempo, in laboratorio, il nostro modellatore 3D può iniziare immediatamente a preparare i file STL per la stampa 3D”, ha dichiarato Andrew De Carpentier, responsabile del progetto Hearing Express presso 3DP4ME.

L’obiettivo finale del progetto Hearing Express è quello di facilitare l’inclusione, l’occupazione e la piena partecipazione nella società da parte di persone con difficoltà uditive, dai bambini agli anziani, “consentendo loro di contribuire meglio alla ricchezza della nazione.”

Hearing Express: il video

Pin It on Pinterest